Dream Theater – The enemy inside

Over and over again
I relive the moment
I’m bearing the burden within
Open wounds hidden under my skin
Pain as real as a cut that bleeds
The face I see every time I try to sleep
Is staring at me crying

I’m running from the enemy inside
Looking for the life I left behind
These suffocating memories are etched upon my mind
And I can’t escape from the enemy inside

I sever myself from the world
And shut down completely
All alone in my own living hell
Overcome with irrational fear
Under the weight of the world on my chest
I buckle and break as I try to catch my breath
Tell me I’m not dying

I’m a burden
I’m a travesty
I’m a prisoner of regret
Between the flashbacks and the violent dreams
I am hanging on the edge
Disaster lurks around the bend
Paradise came to an end
And no magic pill
Can bring it back again

Bandoneòn – Gian Fran Delogu

Bandoneòn

Cullato tra le note malinconiche dell’Oblivion di Piazzolla…
è un tango,
ma ha un non so che di valzer;
è l’andamento della vita, con le sue emozioni, le sue paure,
il suo scrutar vano all’orizzonte:
una nave che parte al tramonto,
tra il fresco tepore delle ultime luci di un crepuscolo estivo
e la tiepida frescura della notte che cala

e la sua fisarmonica ad ogni respiro melodico…
…sospira

Gian Franco Delogu

Il cimitero dei sentimenti – Giacomo Arru (Ottobre 2004)

Il cimitero dei sentimenti
andrò dispiegando a rari
amici savi del mio animo,

i resti del comando glorioso
che nel tempo dei sorrisi
imbastirono mio fanciullino
è meglio condividere, ché

a conoscenza umana alquanto
giusto è, cooperare pel futuro
tra filosofi del natural difetto.

Giacomo Arru
Ottobre 2004