Cecco Angiolieri – Dante Allaghier, Cecco, tu’ serv’ amico

Dante Allaghier, Cecco, tu’ serv’ amico,
si raccomand’ a tte com’ a segnore;
e sì tti prego per lo dio d’Amore,
il qual è stat’ un tu’ signor antico,
che mmi perdoni s’i’ spiacer ti dico,
ché mmi dà sicurtà ‘l tu’ gentil cuore:
quel ch’i’ vo’ dire è di questo tenore,
ch’al tu’ sonetto in parte contradico.
Ch’al meo parer nell’una muta dice
che non intendi su’ sottil parlare,
di que’ che vide la tua Beatrice;
e puoi hai detto a le tue donne care
che be llo ‘ntendi: e dunque contradice
a ssé medesmo questo tu’ trovare.

Cecco Angiolieri

Dante Alighieri – Tre donne intorno

Tre donne intorno al cor mi son venute,
e seggonsi di fore;
ché dentro siede Amore,
lo quale è in segnoria de la mia vita.
Tanto son belle e di tanta vertute,
che ‘l possente segnore,
dico quel ch’è nel core,
a pena del parlar di lor s’aita.
Ciascuna par dolente e sbigottita,
come persona discacciata e stanca,
cui tutta gente manca
e cui vertute né beltà non vale.
Tempo fu già nel quale,
secondo il lor parlar, furon dilette;
or sono a tutti in ira ed in non cale.
Queste così solette
venute son come a casa d’amico;
ché sanno ben che dentro è quel ch’io dico.
Dolesi l’una con parole molto,
e ‘n su la man si posa
come succisa rosa:
il nudo braccio, di dolor colonna,
sente l’oraggio che cade dal volto;
E se non che de gli occhi miei ‘l bel segno
per lontananza m’è tolto dal viso,
che m’àve in foco miso,
lieve mi conterei ciò che m’è grave.
Ma questo foco m’àve
già consumato si l’ossa e la polpa,
che Morte al petto m’ha posto la chiave.
Onde, s’io ebbi colpa,
più lune ha volto il sol poi che fu spenta,
se colpa muore perché l’uom si penta.
Canzone, a’ panni tuoi non ponga uom mano,
per veder quel che bella donna chiude:
bastin le parti nude;
lo dolce pome a tutta gente niega,
per cui ciascun man piega.
Ma s’elli avvien che tu alcun mai truovi
amico di virtù, ed e’ ti priega,
fatti di color’ novi,
poi li ti mostra; e ‘l fior, ch’è bel di fori,
fa disiar ne li amorosi cori.
Canzone, uccella con le bianche penne;
canzone, caccia con li neri veltri,
che fuggir mi convenne,
ma far mi poterian di pace dono.
Però nol fan che non san quel che sono:
camera di perdon savio uom non serra,
ché ‘l perdonare è bel vincer di guerra.