The Beatles – We can work it out (1965)

Prima che I Beatles inventassero il concetto di “Album” nel 1967 con Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band, una serie di pezzi che facevano parte della stessa visione d’insieme, si usava pubblicare dischi singoli che contenevano una, due o massimo tre canzoni.

Questo pezzo è uscito insieme al singolo “Day Tripper” (sul secondo lato, indicato anch’esso come A!)

 

 

 

Try to see it my way,
Do I have to keep on talking till I can’t go on?
While you see it your way,
Run the risk of knowing that our love may soon be gone
We can work it out,
We can work it out

Think of what you’re saying
You can get it wrong and still you think that it’s alright
Think of what I’m saying,
We can work it out and get it straight,
Or say good night
We can work it out,
We can work it out

Life is very short, and there’s no time
For fussing and fighting, my friend
I have always thought that it’s a crime,
So I will ask you once again

Try to see it my way,
Only time will tell if I am right or I am wrong
While you see it your way
There’s a chance that we may fall apart before too long
We can work it out,
We can work it out

Life is very short, and there’s no time
For fussing and fighting, my friend
I have always thought that it’s a crime,
So I will ask you once again

Try to see it my way,
Only time will tell if I am right or I am wrong
While you see it your way
There’s a chance that we may fall apart before too long
We can work it out,
We can work it out

Venus in the morning – Stratovarius (1998)

It’s four in the morning
I’m gazing the sky with millions of stars
A moment before the dawn
The endless universe fills me all

Where are you now?
Alone just like me
And Venus in the morning

I touch your face that’s filled with pain
I kiss away the tears from your eyes
I’ve waited you for eight thousand days
Now I’ve come here to set you free

But where are you now?
Alone just like me
And Venus in the morning
And Venus in the morning

Forget the future, don’t live the past
Live for today because life goes so fast
Go find the key to your divine mind
Open the door so many answers you’ll find

Like the Venus in the morning
Like the Venus in the morning
Like the Venus in the morning
Like the Venus in the morning
Like the Venus in the morning

Vedi Cara – Francesco Guccini (1970)

 

Vedi cara, è difficile spiegare, è difficile parlare dei fantasmi di una mente.

Vedi cara, tutto quel che posso dire è che cambio un po’ ogni giorno e che sono differente.
Vedi cara, certe volte sono in cielo come un aquilone al vento che poi a terra ricadrà.
Vedi cara, è difficile spiegare, è difficile capire se non hai capito già.
Vedi cara, certe crisi son soltanto segno di qualcosa dentro che sta urlando per uscire.
Vedi cara, certi giorni sono un anno, certe frasi sono un niente che non serve più sentire.
Vedi cara, le stagioni ed i sorrisi son denari che van spesi con dovuta proprietà.
Vedi cara, è difficile spiegare, è difficile capire se non hai capito già.

Non capisci quando cerco in una sera un mistero d’atmosfera che è difficile afferrare.
Quando rido senza muovere il mio viso, quando piango senza un grido, quando invece vorrei urlare.
Quando sogno dietro a frasi di canzoni, dietro a libri e ad aquiloni, dietro a ciò che non sarà.
Vedi cara, è difficile spiegare, è difficile capire se non hai capito già.

Non rimpiango tutto quello che mi hai dato, che son io che l’ho creato e potrei rifarlo ora.
Anche se tutto il mio tempo con te non dimentico perché questo tempo dura ancora.
Non cercare in un viso la ragione, in un nome la passione che lontano ora mi fa.
Vedi cara, è difficile spiegare, è difficile capire se non hai capito già.

Tu sei molto anche non sei abbastanza e non vedi la distanza che è fra i miei pensieri e i tuoi.
Tu sei tutto, ma quel tutto è ancora poco, tu sei paga del tuo gioco ed hai già quello che vuoi.
Io cerco ancora, e così non spaventarti quando senti allontanarmi: fugge il sogno, io resto qua.
Sii contenta della parte che tu hai, ti do quello che mi dai, chi ha la colpa non si sa.
Cerca dentro per capir quello che sento, per sentir che ciò che cerco non è il nuovo, libertà!
Vedi cara è difficile spiegare, è difficile capire se non hai capito già.